DE  |  FR  |  IT

Formati audio: riepilogo

I dati audio contengono informazioni destinate a essere percepite dall'orecchio umano. Come per tutti i dati audiovisivi, si pone la questione della compressione dei dati: i dati audio in qualità CD richiedono 172 kB/s di spazio di archiviazione. Gli algoritmi di compressione come MP3 e Ogg Vorbis possono ridurre queste dimensioni a circa il 15%. Gli archivi si trovano quindi di fronte al noto dilemma: i dati non compressi (WAV) richiedono una quantità eccessiva di spazio di archiviazione, mentre i file compressi con perdita non sono desiderabili per l'archiviazione a causa della perdita di qualità. In alternativa, sono disponibili algoritmi di compressione senza perdite per i dati audio, come FLAC e ALAC, che riducono lo spazio di archiviazione richiesto al 60%. Di conseguenza, ogni archivio deve decidere se il costo della conversione è giustificato dal risparmio del 40% dello spazio di archiviazione.
Come per i formati video, anche per i formati audio è necessario distinguere tra il contenitore e i dati audio veri e propri. Di norma, tuttavia, un contenitore e una codifica specifica dei dati audio (codec) sono riassunti sotto un unico nome.
Va inoltre notato che la qualità dei dati audio non è in alcun modo fissata con un formato audio. L'unica cosa chiara è che una parte della qualità originale viene persa con l'uso della compressione con perdita. Quando si effettuano nuove registrazioni e durante i progetti di digitalizzazione, l'archivio deve assicurarsi che la qualità sia adeguata. Quando i dati audio digitali vengono trasferiti, la qualità non può essere modificata a posteriori; al massimo si possono ottenere miglioramenti per l'uso (soppressione del rumore, ecc.).

    

Formati analizzati (in francese)

Non compresso:

Compressione senza perdite:

  • FLAC
  • ALAC (non è adatto come formato per l'archiviazione a lungo termine)

Compressione con perdita:

    

Raccomandazione

  • Per gli archivi, si consiglia di archiviare i file audio risultanti non compressi in formato WAV (RIFF WAVE) o compressi senza perdite come FLAC.
  • Tuttavia, se l'archivio offre dati audio in forma compressa con perdita, ad esempio in formato MP3 o Ogg Vorbis, la conversione in un formato senza perdita non ha senso. Da un lato, la perdita di informazioni è irreversibile, dall'altro, i dati richiedono molto più spazio di archiviazione per la stessa qualità. In questo caso, è meglio accettare il formato compresso con perdita per evitare inutili cicli di conversione e convertirlo nel formato preferito, come FLAC o RIFF WAVE, solo alla fine del ciclo di vita del formato. Ad ogni modo, ciò richiede un monitoraggio attivo del ciclo di vita.
  • Qualità (frequenza di campionamento e profondità di bit): Per il trasferimento di CD audio, è richiesta una frequenza di campionamento di 44,1 kHz, 48 kHz per i DAT, e una profondità di bit di 16 bit. Quando si digitalizzano vecchi supporti di dati analogici, è consigliabile una qualità superiore; Memoriav e la Fonoteca Nazionale Svizzera raccomandano 96 kHz e 24 bit. Per le registrazioni audio di nuova creazione, la qualità è solitamente determinata dall'ambiente di produzione.

   

Bibliografia

CDP Digital Audio Working Group (ed.) Digital Audio Best Practices, Version 2.1 2006
sustainableheritagenetwork.org/digital-heritage/digital-audio-best-practices-version-21

IASA-TC 3 La conservazione delle registrazioni sonore. Aspetti etici, principi e strategie 2005
iasa-web.org/sites/default/files/downloads/publications/TC03_German.pdf

IASA-TC 4 Guidelines on the Production and Preservation of Digital Audio Objects 2009
iasa-web.org/audio-preservation-tc04

Raccomandazioni audio Memoriav 2022
memoriav.ch/de/empfehlungen/ton/

Scheda informativa nestor 08 Conservazione a lungo termine dei dati digitali nei musei, documenti audio digitali, 2009
files.dnb.de/nestor/sheets/08_audio.pdf

    

Catalogo dei formati dei file d'archivio versione 7.0, giugno 2024