DE  |  FR  |  IT

Formati del testo: riepilogo

Per "testo" si intendono i dati per la rappresentazione di testi meno strutturati, come quelli generati dai software di elaborazione testi o dagli editor di testo. Per l'archiviazione dei dati testuali, tradizionalmente si suggerisce di convertire i formati nativi di questi software in formati di archiviazione più adatti, ad esempio idealmente PDF/A-2u o PDF/A-1. Con il passaggio a formati di file aperti, basati su XML, nei software di elaborazione testi, ci si chiede se anche questi siano adatti come formati di archiviazione.
È importante notare la differenza fondamentale tra i formati basati sulla pagina e quelli non basati sulla pagina. I formati basati sulla pagina, come PDF e PDF/A, sono ottimizzati per la stampa e per questo motivo le interruzioni di pagina e il layout sono fissi. Nei formati non basati sulla pagina, come tutti i formati di elaborazione testi, il testo stesso è al centro dell'attenzione; l'interruzione di pagina viene fissata solo durante la stampa (o durante la conversione in un formato basato sulla pagina). Anche i dati di presentazione (ad esempio, PowerPoint) sono un sottotipo di dati di testo. Tuttavia, questi non sono trattati in modo specifico in questa versione del Cfa.

   

Formati analizzati (in francese)

   

Raccomandazione

Se possibile, i dati di testo dovrebbero essere convertiti in un formato PDF (idealmente PDF/A-2u) durante la fase attiva e archiviati in questo modo.
Di solito è possibile convertire i file PDF in un formato PDF/A in una fase successiva senza problemi.

    

Catalogo dei formati dei file d'archivio versione 7.0, giugno 2024